“VIA SIGISMONDI” ROCCA CASTELLO

ROCCA CASTELLO (2452m)

“VIA SIGISMONDI” AD / III+ / S2 / R1 (120m) Loc. Chiappera – Acceglio (CN)

PARTENZA E AVVICINAMENTO : Si percorre tutta la Val Maira sino a Chiappera (1660m, 93km da Mondovì). Si prosegue sulla strada oltrepassando il bivio per il campeggio campo base (sulla sx) e si prosegue superando due tornanti (spiazzo per posteggio). All’uscita del secondo tornante parte il sentiero per il Colle Gregùri (1690m). Si percorre il sentiero che conduce al colle sino a quota 2100 circa dove s’incontra un bivio, si prosegue a sx sempre verso il colle (2319m) che lo si raggiunge dopo circa 1,5 h dall’auto. La via attacca proprio sullo spartiacque di fronte alla Rocca (spalle al bunker del colle), proprio a ridosso di un masso abbattuto (che funge anche da comodo piano di preparazione). Vi sono comunque evidenti tracce di sentiero.

DESCRIZIONE DELLA VIA  :

L 1  –  (30m) max III – Si attacca la parete che offre ottimi appoggi e appigli (III) fino ad una piccola cengia detritica dove si trovano due spit in caso si volesse già sostare e dividere il tiro in due. Si prosegue a sx nel diedro/camino formato da grossi blocchi di vecchi distacchi, superato il passaggio si ripiega a dx sino a sostare sullo spit nella placca di fronte su un comodo terrazzo. L 2 – (15m) max II – Si percorre la cengia della via normale per circa 20 metri in orizzontale, al secondo spit si sale verticalmente sul vago diedro sino a superare il terzo spit, quindi si prosegue a sx su cengia erbosa sino ad incontrare la sosta (due spit). L 3 – (30m) max III+ – Si sale il canale “a gradoni” via via più compatto e stretto sino a diventare un camino che taglia interamente la parete. Con una spaccata si passa da una parete all’altra e si risale ancora per qualche metro giungendo su una piccola cengia con due spit di sosta (III+, dal camino). L 4 – (20m) max III+ - Si sale a sx della sosta sul filo di cresta e si percorre il piccolo camino sino alla sommità dello stesso. Sosta su pilastrino (2 chiodi e cordone). L 5 – (25m) max III – Si prosegue sul filo di cresta per alcuni metri per poi spostarsi un poco a dx aggirando la punta di uno sperone, si continua su una cengia sulla parete ovest sino alla successiva placca rocciosa di cresta. Si sale con un paio di passi la placca, si aggira lo spigolo sulla dx e si risale la placca diagonalmente sino quasi alla cresta. Da qui si prosegue dritti in cresta ancora per alcuni metri sino alla sosta posta a sx sul grande spiazzo roccioso poco sotto la vetta. DISCESA :Vi sono molte possibilità di calata, tuttavia la maggior parte di esse ripercorre il grande canale detritico della via normale sul lato est. della rocca. (partenze : 2 anelli di calata subito sotto la croce lato est della stessa, ovvero l’ultima sosta della via “King Line”, oppure 2 anelli di calata sulla placca verticale sotto la croce a nord della stessa, oppure 2 anelli di calata sulla parete est (stessa sosta della S5 della Sigismondi). Le prime due partenze conducono, dopo una calata di 40 metri, alla successiva sosta di calata poco a dx faccia a monte. Da lì con un’altra calata di 40/50 metri si giunge alla cengia della via normale (la stessa che conduce alla S2 della Sigismondi). Percorrendo interamente la cengia si raggiunge il cavo d’acciaio posto su un grosso spuntone poco a sud dello spit della S1. In alternativa è possibile scendere con altre due calate (20 e 50m) dalla sosta all’inizio della cengia della via normale (senza quindi doverla percorrere). NOTE : Via classica mai difficile ma mai banale vista l’esposizione e la chiodatura lunga. Proprio la chiodatura è stata rivista sostituendo (e in alcuni casi integrando) il tutto con spit inox che ne facilitano tra l’altro l’individuazione. E’ possibile integrare con fettucce e friend medi (da 0.75 a 2). Vista la linea molto a “zig zag”, è consigliabile rinviare alternando le corde per un miglior scorrimento. E’ possibile dividere la seconda calata in 2 doppie, sostando su una sosta di calata un po’ nascosta (catena e cordini) sulla sx (faccia a monte) a circa 30m di corda. Il canale della normale infatti è molto irregolare e il rischio di incastri delle corde è abbastanza concreto. MATERIALE UTILE : Friend dallo 0.5 al 3, 2/3 fettucce + due set x soste.

Benny

Leave a Reply